Alzi la mano chi ama il caffè. Perfetto, potete abbassare le mani. Ora la alzi chi ama il fresco in una calda giornata estiva. Molto bene, giù le mani. Sono sicura che se facessi questo test in un salone pieno zeppo di persone, in entrambi i casi la sala sarebbe un immenso prato e la moltitudine di mani alzate i tanti fiori colorati, creando un panorama fiorito come quello del Mago di Oz. Quindi, ricapitolando, chi adorasse entrambe le cose, come potrebbe non amare la loro fresca e gustosissima combinazione, ovvero la crema al caffè?

Personalmente A D O R O questa prelibatezza, perfetta per dare un po’ di sprint e rinfrescare un pomeriggio caliente. Non chiedetemi perché, ma il primo ricordo che mi scatta nella testa è un tranquillo pomeriggio di una vacanza in montagna con la famiglia, seduti al bar con ognuno un bicchiere di crema al caffè di fronte, e questo semplice souvenir mi mette sempre di buon umore.

Ma ora freniamo i ricordi, che qua c’è una ricetta da scrivere. Oggi vi propongo una golosa rivisitazione lievemente alcolica della tanto amata crema al caffè, ecco a voi la mousse al caffè!

Per la preparazione di 6 bicchieri di mousse, vi occorrerà:

  • 4 tuorli
  • 2 cucchiai di zucchero
  • ½ cucchiaio di amido di mais
  • 150 ml di caffè ristretto
  • 250 ml di panna da montare
  • 4 savoiardi
  • Liquore al caffè q.b., della marca che più preferite
  • Cannella in polvere q.b.
  • 1 bustina di vanillina zuccherata
  • Latte q.b.
  • Chicchi di caffè per la decorazione
  • Panna montata per la decorazione

Iniziamo mettendo in una casseruolina i tuorli e con una frusta li mescoliamo con l’amido, setacciato con la vanillina e una presa di cannella; diluiamo poi, sempre mescolando, con il caffè versato a filo. Poniamo la casseruolina in un bagnomaria tiepido e facciamo cuocere il composto fino a raggiungere quasi il bollore, continuando a mescolare; quindi spegniamo il fuoco, versiamo il ricavato in una terrina e lo lasciamo raffreddare completamente, mescolando spesso per evitare che sulla superficie si formi la pellicola. Nel frattempo montiamo, con una frusta, la panna ben fredda in una terrina, anch’essa raffreddata prima per qualche minuto nel freezer, aggiungendo man mano lo zucchero; incorporiamola quindi delicatamente al composto di uova, con movimenti dal basso verso l’alto per non smontarla. Successivamente spezziamo in 2 o 3 pezzi i savoiardi, li sistemiamo sul fondo di 6 bicchieri, per poi bagnarli con un po’ di liquore, diluito a piacere con poco latte; distribuiamo infine la crema sopra lo strano di biscotti e lasciamo riposare in frigo per almeno 2/3 ore. Poco prima del servizio, decoriamo la mousse con qualche ciuffetto di panna montata e, perché no, qualche chicco di caffè. Et voilà, il dolce è pronto, accompagnato dal tanto amato Moscato d’Asti farete un figurone.

Certo, per quanto possa essere buona questa mousse, non potrà mai battere la crema al caffè. Ma non rammaricate, può essere ugualmente un’ottima sostituta quando la pigrizia incombe e ci blocca in casa piuttosto che uscire e affrontare l’afa estiva (anche se chiunque uscirebbe per un bicchiere di crema al caffè, ne sono sicura).

Lucia Cravero
Mi chiamo Lucia, all'alba della maggior età frequento il quinto anno dell'Istituto alberghiero di Mondovì. Vivo di musica, amo cantare ed è sempre un'agonia quando la voce mi abbandona. Nel resto del mio tempo libero mi diletto nello scrivere, e dato che in questo giornale tratto l'argomento dell'enogastronomia, cercherò sempre in tutti i modi di farvi venire l'acquolina in bocca!

    You may also like

    Leave a reply

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    quattro × due =

    More in Cucina